MUSEO DI CAPODIMONTE, NAPOLI.

 

Cinquant’anni fa, il 5 maggio 1957, la reggia borbonica di Capodimonte diventava museo, uno dei più importanti d’Europa e del mondo. Eppure, purtroppo, c’è da dire che ancora oggi, sinanche per molti degli stessi napoletani, se si dice museo, si dice “Archeologico”. Non è difficile, infatti, sentire rispondere ad un turista che chiede come arrivare al museo di Capodimonte:<forse sta cercando l’Archeologico?>Credo che pur trattandosi di due generi museali diversi, Capodimonte sia vissuto sempre un po’ nell’ombra di questo suo presunto rivale. Trovandosi, quest’ultimo, in posizione centrale, quindi più facilmente raggiungibile, è preferito anche dagli stessi tour operators, soprattutto quando si tratta di inserirlo in pacchetti turistici che comprendono un’ escursione alla zona archeologica di Pompei. Visitare gli scavi della zona vesuviana e poi curiosare tra i reperti qui rinvenuti, esposti nelle sale del museo archeologico, sembra, a quanto pare, inevitabile. Ma chi sceglie di spostarsi un po’ più in là, lontano dal centro, ma non troppo, avrà il privilegio di godere dell’accoglienza del bellissimo parco che circonda il palazzo, una vera oasi di tranquillità nel caos cittadino, passeggiare lungo i viali fino a scorgere tra le palme l’elegante sagoma della reggia, sentirsi come indietro nel tempo. C’è da dire che molti visitatori che avevano sempre associato il nome di Capodimonte unicamente alle famose porcellane che qui si producevano, sono rimasti meravigliati dall’avere scoperto che questo museo ospita anche (anzi, soprattutto) opere d’arte molto importanti e famose. Caravaggio, Masaccio, Botticelli, Tiziano, Vasari, per citare solo qualche artista. In più, per tutto quest’anno e fino alla metà del prossimo, in occasione del cinquantenario, appunto, sono previste mostre, concerti, rappresentazioni teatrali, laboratori didattici ed altro ancora. Un occasione in più per visitarlo!

Come arrivare al museo di Capodimonte. (Aggiornato al settembre 2011)

Dall’autostrada: Tangenziale uscita Capodimonte e poi seguire le indicazioni.

Dall’aeroporto: Alibus fino a piazza Municipio (poi vedi > Dal Porto)

Dal Porto: Nella vicina via Medina il bus n° R4 fino alla fermata Giardini della principessa Jolanda a Capodimonte (comunemente detta ‘del Regresso’) da qui pochi passi a piedi lungo via Capodimonte fino al parco della Reggia, ingresso Porta Grande. Sempre da via Medina il n° 201 fino alla fermata di via Broggia da dove, attraverso la Galleria Principe (di fronte), raggiungere la fermata antistante il Museo Archeologico dove prendere il bus n° C63  fino al parco della Reggia di Capodimonte ingresso Porta Grande oppure il n° 178 o il n° 2M fino al parco della Reggia, ingresso Porta Piccola. In alternativa il city sightseeing linea A che staziona in piazza Castello.

Dalla stazione ferroviaria di Piazza Garibaldi:  Nella stessa stazione ferroviaria la linea 2 della Metropolitana di Napoli fino alla stazione di Piazza Cavour. Da qui conviene portarsi, attraverso il tunnel sotterraneo attrezzato con tapis-roulant, verso l’uscita Museo Archeologico e prendere poi, sull’antistante fermata il bus n° C63  fino al parco della Reggia di Capodimonte ingresso Porta Grande oppure il bus n° 178 o il n° 2M fino al parco, ingresso Porta Piccola. In alternativa: nell’adiacente Piazza Principe Umberto prendere il bus n° 203 fino alla fermata di via Broggia e da qui proseguire come indicato nel percorso dal Porto.

N.B. Nel 2007 in occasione della mostra sul barocco è stata istituito una linea bus Shuttle City Sightseeing dedicato ai musei che ospitavano le mostre, oggi non è più attiva.

N.B. Orari di apertura: dal lunedì alla domenica dalle 8.30 alle 19,30 (la bigliettera chiude un’ora prima) chiuso il mercoledì

info:0817499111 @][@][@   IL SITO UFFICIALE @][@][@

MUSEO DI CAPODIMONTE, NAPOLI.ultima modifica: 2007-07-05T00:05:00+00:00da dilloallautrice
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “MUSEO DI CAPODIMONTE, NAPOLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*