OMAGGIO AL CUSTODE.

di Gianna Caiazzo

-Je so’ soprintendente,so’ figlio ‘e nu pittore

ero d’a Rua Catalana, mo songo prufessore

pur’io ogne tanto allucco ,peffino dint’e ssale

ma chesta è ‘n’ata cosa ,io so’ intellettuale…

Vaco giranno o’ munno,sto’ mmiezo a bbella gente

che colpa maje ne tengo,si songo intelligente?

Di tanto in tanto piglio e inauguro ‘na mostra

po’ arrivederci e grazie,sto dint’e mmane voste..

‘E mmane d’o’ custode ,ca o dorme o  legge o niente,

ca allucca ‘int’o silenzio ,ca fa fui’ ‘e cliente!-

——- 

-Io songo nu custode,n’addetto a’ viggilanza

avessa sta’ sei ore chiuso dint’a na stanza

Vulevo fa’ ‘o duttore,’o strologo,’o soprano

ma ‘o posto era occupato,m’attocca a ffa’ ‘o guardiano..

‘E vvote ‘int’o’ silenzio me scappa ‘o sunnariello

allora o leggo o parlo,pe’ scetà ‘a cerevella..

A tte pare difficile,eppure me riesce

cu n’uocchio guardo ‘a jatta e cu n’ato frijo ‘o pesce!-

 

 

 

OMAGGIO AL CUSTODE.ultima modifica: 2007-10-25T19:35:00+00:00da dilloallautrice

6 pensieri su “OMAGGIO AL CUSTODE.

  1. Moolto carina Giannete’! Embè,o’ Mast’ nun se smentisce maje!
    Strano però, di come sia attento a puntare il dito sul personale di sorveglianza, poi,su altro personale, le evidenti “enormità” sotto gli occhi di tutti, sia sempre così distratto. Ha difficoltà a mettere a fuoco da vicino…Mmm.. Sarà forse PRESBITE?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*