‘A forza d”e pparole.

 

Te dico ‘na parola chiatta chiatta

d’’a lengua mia, cusuta su misura

te dico chella e nun ne cerco n’ata

pecchè è  precisa chello c’aggia dì.

 

Nisciuna voce perbene e ‘mpernacchiata

‘e ‘nu vucabbulario d’’o ttaliano 

me po’ sservì pe tte pittà ‘o penziero

ca m’aggio fatto dint’â capa mia.

 

Putesse truvà ‘o tèrmene cchiù bbello

‘o cchiù  moderno oppure ‘o cchiù sciscì

ma mo t’’o schiaffo cu ’o nnapulitano

e meglio ‘e chesto nunn ‘o ppuò capì!

 

            

  Gianna Caiazzo 

 9 agosto 2mila9

 

‘A forza d”e pparole.ultima modifica: 2009-08-09T12:02:00+00:00da dilloallautrice

6 pensieri su “‘A forza d”e pparole.

  1. Veramente delle volte è difficile trovare la parola giusta per esprimere quello che abbiamo in testa… ma in aiuto viene il dieletto, lingua colorita e piena di sfumature che rende appieno l’idea di quello che vogliamo veramente dire.

    Bellissimi questi tuoi versi Gianna!!!

    Un abbraccio e buona settimana!

  2. Gianna appena puoi prova se riesci a vedere il video Youtube da me postato ho ricontrollato il codice perchè nemmeno io lo vedevo con Internet Explorer solo con Firefox…. ma ora dovrebbe essere ok su blogspot mentre su myblog lo vedevo bene conb tutte e due i browser anche prima….. mah! … misteri tecnologici… !!!

    Un abbraccio!

  3. Passo per salutarti.

    Voglio respirare la brezza di salsedine
    del mare e l’aria pura di montagna
    della mia Etna.

    Ciao e buon agosto anche a te.

    A presto… Giuseppe.

  4. Buongiornissimo Gianna , oggi me la sono presa supercomoda… ahahah!!! ma un salutino volevo lasciartelo comunque….

    Un abbraccio e buona giornata!

  5. Belli i tuoi versi, ed assolutamente veri!

    Come il noto detto “ma parla come magni!” sottolineano cle la schiettezza della spontaneità (nel mangiare, nell’esprimersi) non può essere efficacemente mutuata da sovrastrutture culturali o ingabbiamenti linguistici.

    Lo noto spesso anche in buoni oratori, e mi ci scopro io stesso.
    Quando nasce l’esigenza di dire una cosa proprio “papale papale” non c’è efficacia migliore che ricorrere al dialetto.

    E meno male che certi dialetti sono di per se musica, e poesia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*