11 pensieri su “Dint’ô lietto.

  1. In questo momento mi farei proprio prendere dalla tua poesia…. ma invece devo correre anche oggi sono alle prese con le pulizie di primavera e devo farlo prima che mi passi la voglia…..ahahah!!!

    Un abbraccio e buona giornata Gianna!

  2. Ciao Gianna e un saluto anche agli amici di rete, è una “cosa mia” che vorrei condividere con voi, se possibile. Mi piacerebbe discutere con voi del napoletano scritto, se vi va.

    Cu’ ll’uocchie chiuse…

    te veco, te veco ancora
    scoglio sulagno mmiez’all’onne,
    albero ca chiano chiano perd’è fronne,
    te veco, te vec’ancora.

    Te vec’ancora sì, te veco
    faro a mmare quand’’a notte fa paura,
    sole quann’attuorne è ssulo scuro
    ie te vec’ancora.

    Te vec’ancora
    ‘a faccella ianca, l’uocchie ‘e cielo
    giardin”e ros’a primmavera
    si te veco te veco te vec’ancora.

    Te vec’ancora
    mmiez’e scale ‘e mmane nzine
    ‘na cartulina chilli capille nire
    sì, te vec’ancora.

    Te vec’ancora
    tutt’’e matine senza fa’ rummore
    nnanz’’o specchio ca te lave l’ussicciole,
    tutt’’e mmatine, si, tutt”e mmatine.

    M’he raput’’a porta, so’ trasuto
    nsieme amma riso amma chiagnuto
    è stato n’attimo, m’è so’ girato
    e già te n’ire iuta.

    Quanta lacrime è nnascuse a chi te stev’attuorne,
    – suonne e’guagliona ca te scurrevano ncuollo –
    cu ‘e mmane aperte, nce fossi stat’ie’,
    a una a una l’avesse fatte mie.

    E mo’ te vec’ancora
    cull’uocchie chiuse te vec’ancora.
    Si nce vo’ ‘a notte pe te vede’
    nzerrame l’uocchie Sarache’.

    Novembre ‘97

    Andrea Donnarumma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *