Carnevale.

È Ccarnevale e mm’arricordo ancora
‘e ‘nfarenate fatte fora â scola,
‘e ssecutate arèto ê scugnezzielle
cu ll’ove ‘mmano pronte a tt”e vvuttà.

E chi se scorda comme m’arraggiavo
quanno currevo arèto a ‘nu criaturo
ca m’ êva ‘nguacchiariata sana sana
e ‘a mamma me diceva “che vvuò fà?”

Tiempo è ppassato e ssento ‘a nustalgia
‘e chilli juorne chine d’alleria,
quanno ‘e cchiorme ‘e guagliune mmiez’â via
ancora se spassavano accussì.

Mo invece se pazzéa ‘e n’ata manera
Mo se fa ovèro, qualu Carnevale!
si dint’ê ssacche nce stesse ove e ffarina
tirasse ‘nu suspiro: “menu male!”

Gianna Caiazzo
4 marzo 2mila14

Carnevale.ultima modifica: 2014-03-04T13:58:15+00:00da dilloallautrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *