Pacchere cu ‘o cuoccio.

 

paccheri con coccio


Pe ddoje perzone:

‘Nu cuoccio ‘e ‘nu miezu chilo (pulezzato)

200 gramme ‘e pacchere

cinche o seje pummarulelle

‘nu paro ‘e cucchiarate d’uoglio

‘nu spiculo d’aglio

‘na vrancata ’e petrusino tagliato fino fino

‘na ponta ‘e cerasiello

‘na spruzzata ‘e vino janco

sale

Dint’â ‘na tiella facite suffrijere ll’aglio e ‘o cerasiello ‘intâ ll’uoglio, aunite ‘e ppummarulelle e ‘nu pizzeco ‘e sale. Quanno ‘e ppummarole se so’ ammusciate, levatece ll’aglio, mettitece ‘o cuoccio dinto e ffacitece ‘na spruzzatella ‘e vino janco. ‘Ncupirchiate, facite cocere pe ‘na ventina ‘e minute e stutate. Pe ttramente scaurate ‘a pasta, aizate ‘o cuoccio, ammunnatelo, facitelo a ppezzettulle e mmenatelo n’ata vota dint’ô zuco cu ‘na cucchiarata d’acqua d’’a pasta. Quanno ‘a pasta è cotta, sculatela e ffacitela zumpà dintô zuco, ‘ncopp’ô ffuoco. Mettitele dint’ô piatto cu ‘na bbella vrancata ‘e petrusino frisco, tagliato fino fino, ‘ncoppa.

Salute!

 

Gianna Caiazzo © riproduzione riservata

SPANTECÀ.

Significa smaniare, spasimare, desiderare ardentemente qualcosa o qualcuno fino a stare male fisicamente e moralmente. Deriva dal latino “ex-panticare” formato da e = “da, fuori da” e “panticare” che deriva a sua volta dal sostantivo “pantex”, pancia; quindi una sensazione che viene dal ventre. Un’ulteriore spiegazione la troviamo nell’analogo termine in lingua Catalana “pantejar” : Movimenti prodotti dalla respirazione faticosa che fanno andare e venire il ventre ed il torace. Ansimare.

Stessa origine per l’altro termine napoletano, “pànteco” che indica uno stato di malessere generale dovuto ad una gran paura o ad un’intossicazione, specialmente alimentare.

spantecà, spantecare