“La scelta di Giulia”. E’ ambientato a Napoli il nuovo romanzo di Brunella Schisa.

È un’abbagliante mattina di luglio quando Emma, neolaureata in Lettere, riceve una telefonata del tutto inattesa: dall’altra parte del filo l’anziana prozia Carolina, che lei a malapena conosce, la invita a casa sua perché, dice, deve consegnarle un regalo. La curiosità di Emma si tramuta presto in stupore quando tra le mura solenni del palazzo di via dei Mille, a Napoli, teatro di tutte le vicende della sua grande famiglia la zia le affida un astuccio che contiene un anello: una meravigliosa corniola ovale con una figura incisa sostenuta da una catena Liberty d’oro rosso. Un oggetto prezioso anche perché appartenuto in origine a Giulia, la mitica bisnonna capostipite della famiglia. A quell’anello è legato un segreto bruciante, che solo la curiosità di una giovane ragazza alla ricerca della propria strada e dell’amore può trovare la forza per scoprire, mentre i giorni di un’estate rovente le portano anche un sentimento conturbante e intensissimo, l’attrazione per un uomo “proibito”. Le vite degli uomini bellissimi e infedeli delle donne volitive della grande famiglia Cortesi rievocate sul filo della memoria e dell’emozione dalla più bella e coraggiosa delle loro discendenti.

la scelta di giulia, brunella schisa

Presentazione:
venerdì, 15 novembre ore 18
presso “la Feltrinelli”
via S. Caterina a Chiaia, 23, Napoli.

Mondadori editore
pag. 312
16,50 euro
 

Pastiera napoletana.

Chello ca ce vo’.

P’’a pasta frolla:

500 gr ‘e farina

200 gr ‘e zuccaro

200 gr ‘e ‘nzogna o burro.

4 vruocele d’uovo

‘na scorza ‘e miezu limone rattata.

 

P’’a farcitura:

500 gr ‘e grano sfuso

500 gr ‘e ricotta

‘nu paro ‘e cucchiare ‘e farina

½ litro ‘e latte

10 ove

400 gr ‘e zuccaro

‘na noce ‘e ‘nzogna

80 gr tra cedro, scorze d’arancia e cucuzzata

Acqua ‘e millefiore

Cannella

‘na bustina ‘e vanillina

‘a scorza ‘e ‘nu limone

Zuccaro a vvelo.

 

Comme se fa.

Pasta frolla:
Facite ‘a funtana cu ‘a farina e ‘mmiezo mettitece ‘e quatto vruocele, ‘o zzuccaro, ‘o bburro e ‘a scorza ‘e limone rattata. ‘Mpastate buono ma cu ‘a mana liggera e quanno s’è ffatta’na bella palla liscia, mettitela dint’a ‘nu canavaccio dint’ô frigorifero.

 

Mettite a vvollere lento lento pe n’oretta ‘o ggrano dint’a miezu litro ‘e latte cu ‘na noce ‘e ‘nzogna, ‘a scorza ‘e ‘nu limone, ‘nu pizzeco ‘e sale e ‘nu cucchiaro ‘e zuccaro. Girate sempe, add’addeventà comm’a ‘na crema.
Pe ttramente, facite ‘nu zambaglione cu ‘e diece vruocele e 400 gr ‘e zuccaro e astipateve ‘e vvelinie. A pparte passate ‘a ricotta ‘intô staccio.
Quanno ‘o ggrano s’’è ccuotto e s’è ffatto friddo, levatece ‘a scorza ‘e limone e ammiscatelo cu ‘a ricotta stacciata.
Muntate a nneve ‘e ddiece velinie ch’erano rimaste.
Dint’a ‘na zuppiera bella grossa mettitece ‘o ggrano cuotto ammiscato cu ‘a ricotta, ‘o zambaglione, ‘e velinie muntate a nneve e ammiscate buono e chianu chiano e si è troppo liquida mettitece uno o duje cucchiare ‘e farina. A ll’urdemo mettitece ‘o ccedro a pezzuttulle, ‘a vanillina, ‘a cannella e ll’acqua millefiore a piacere e girate.

Stennite ¾ ‘e pasta frolla, facite’na pettola bella fina e fudarate ‘nu ruoto (regolateve vuje cu ‘a grandezza a siconda ‘e si ve piace àveta o vascia) Mettitece ‘a farciatura dinto. Cu ‘o riesto d’’a pasta frolla tirate tanta strisciulelle fine larghe ‘nu centimetro, mettitele ‘ncruciate ‘ncopp’a pastiera e po ‘nfurnate a 170° pe n’ora o n’ora e mmeza (a siconda ‘e l’altezza)  senza ‘a fa avvampà.
Quanno ‘a sfurnate e s’è ffatta fredda mettitece ‘o zzuccaro a vvelo ‘ncoppa.

Salute!                                                                                              

di Gianna Caiazzo
© riproduzione riservata.

pastiera napoletana

 

Pacchere cu ‘o cuoccio.

 

paccheri con coccio


Pe ddoje perzone:

‘Nu cuoccio ‘e ‘nu miezu chilo (pulezzato)

200 gramme ‘e pacchere

cinche o seje pummarulelle

‘nu paro ‘e cucchiarate d’uoglio

‘nu spiculo d’aglio

‘na vrancata ’e petrusino tagliato fino fino

‘na ponta ‘e cerasiello

‘na spruzzata ‘e vino janco

sale

Dint’â ‘na tiella facite suffrijere ll’aglio e ‘o cerasiello ‘intâ ll’uoglio, aunite ‘e ppummarulelle e ‘nu pizzeco ‘e sale. Quanno ‘e ppummarole se so’ ammusciate, levatece ll’aglio, mettitece ‘o cuoccio dinto e ffacitece ‘na spruzzatella ‘e vino janco. ‘Ncupirchiate, facite cocere pe ‘na ventina ‘e minute e stutate. Pe ttramente scaurate ‘a pasta, aizate ‘o cuoccio, ammunnatelo, facitelo a ppezzettulle e mmenatelo n’ata vota dint’ô zuco cu ‘na cucchiarata d’acqua d’’a pasta. Quanno ‘a pasta è cotta, sculatela e ffacitela zumpà dintô zuco, ‘ncopp’ô ffuoco. Mettitele dint’ô piatto cu ‘na bbella vrancata ‘e petrusino frisco, tagliato fino fino, ‘ncoppa.

Salute!

 

Gianna Caiazzo © riproduzione riservata