ARTÉTECA

Il termine indica irrequietezza, agitazione, movimenti continui.
Deriva dal termine latino “Arthritica” che può associarsi alla “Febbre reumatica” (artritica), malattia molto diffusa, soprattutto tra i bambini, fino alla fine della seconda guerra mondiale ed ora notevolmente diminuita grazie all’uso degli antibiotici. La patologia colpisce, tra l’altro, le articolazioni, infatti una delle sue manifestazioni è la “Còrea minor” (Ballo di san Vito) che porta il paziente a compiere movimenti involontari, veloci, a scatti, ripetitivi e scoordinati

Arteteca

Artéteca

Ipotesi etimologica (artéteca > còrea minor > febbre reumatica) costruita da Gianna Caiazzo.

© riproduzione riservata

‘O vino: raddoppiamento consonantico napoletano

In molti ritengono un mistero linguistico il fatto che, a differenza di tanti nomi neutri napoletani che subiscono raddoppiamento consonantico iniziale quando preceduti dall’articolo determinativo (es. ‘o ppane, ‘o llatte, ‘o ffierro), il termine “vino” non subisca tale raddoppiamento, scrivendosi infatti ” ‘o vino “, con la V scempia, e non ” ‘o vvino”. Ho provato a formulare un’ipotesi a riguardo: nel latino, molti neutri subirono con il tempo un cambio di genere trasformandosi in maschili, sono i cosiddetti ‘volgarismi’. Già Petronio, nel suo Satyricon (I sec dC) scriveva fatus al posto di fatum, caelus invece di caelum, vasus in luogo di vasum e, soprattutto, VINUS anziché VINUM. Se, in questo caso, come di conseguenza anche l’articolo diventa maschile, l’articolo neutro illud, la cui assimilazione della D finale crea il raddoppiamento della consonante iniziale del termine che lo segue, sparisce portando via con sé anche il RC. Ecco perchè in napoletano scriviamo ” ‘o vino” e non ” ‘o vvino”.
Gianna Caiazzo
© riproduzione riservata

Trillante, trocola e uosso ‘e presutto.

Nell’ambito delle manifestazioni organizzate in occasione della tradizionale festa del Carmine, il prossimo 16 luglio alle ore18, nella chiesa di Santa Croce e Purgatorio al Mercato, in piazza Mercato, si terrà l’incontro “Trillante, trocola e uosso ‘e presutto”: una spremuta di filosofia spicciola tra musica e dintorni.  Si parlerà delle origini della posteggia, della sua storia e della “Parlèsia”, il linguaggio segreto, derivante dal napoletano, che veniva usato dai musicanti per non farsi capire dai non addetti ai lavori. Oggi, la parlèsia sopravvive per sottolineare l’appartenenza alla categoria dei musicisti. Si affronterà, inoltre, la lingua e la cultura napoletana viste nel quotidiano della gente comune.

festa del carmine 2014 napoliclicca sull’immagine per ingrandire

Pastiera napoletana.

Chello ca ce vo’.

P’’a pasta frolla:

500 gr ‘e farina

200 gr ‘e zuccaro

200 gr ‘e ‘nzogna o burro.

4 vruocele d’uovo

‘na scorza ‘e miezu limone rattata.

 

P’’a farcitura:

500 gr ‘e grano sfuso

500 gr ‘e ricotta

‘nu paro ‘e cucchiare ‘e farina

½ litro ‘e latte

10 ove

400 gr ‘e zuccaro

‘na noce ‘e ‘nzogna

80 gr tra cedro, scorze d’arancia e cucuzzata

Acqua ‘e millefiore

Cannella

‘na bustina ‘e vanillina

‘a scorza ‘e ‘nu limone

Zuccaro a vvelo.

 

Comme se fa.

Pasta frolla:
Facite ‘a funtana cu ‘a farina e ‘mmiezo mettitece ‘e quatto vruocele, ‘o zzuccaro, ‘o bburro e ‘a scorza ‘e limone rattata. ‘Mpastate buono ma cu ‘a mana liggera e quanno s’è ffatta’na bella palla liscia, mettitela dint’a ‘nu canavaccio dint’ô frigorifero.

 

Mettite a vvollere lento lento pe n’oretta ‘o ggrano dint’a miezu litro ‘e latte cu ‘na noce ‘e ‘nzogna, ‘a scorza ‘e ‘nu limone, ‘nu pizzeco ‘e sale e ‘nu cucchiaro ‘e zuccaro. Girate sempe, add’addeventà comm’a ‘na crema.
Pe ttramente, facite ‘nu zambaglione cu ‘e diece vruocele e 400 gr ‘e zuccaro e astipateve ‘e vvelinie. A pparte passate ‘a ricotta ‘intô staccio.
Quanno ‘o ggrano s’’è ccuotto e s’è ffatto friddo, levatece ‘a scorza ‘e limone e ammiscatelo cu ‘a ricotta stacciata.
Muntate a nneve ‘e ddiece velinie ch’erano rimaste.
Dint’a ‘na zuppiera bella grossa mettitece ‘o ggrano cuotto ammiscato cu ‘a ricotta, ‘o zambaglione, ‘e velinie muntate a nneve e ammiscate buono e chianu chiano e si è troppo liquida mettitece uno o duje cucchiare ‘e farina. A ll’urdemo mettitece ‘o ccedro a pezzuttulle, ‘a vanillina, ‘a cannella e ll’acqua millefiore a piacere e girate.

Stennite ¾ ‘e pasta frolla, facite’na pettola bella fina e fudarate ‘nu ruoto (regolateve vuje cu ‘a grandezza a siconda ‘e si ve piace àveta o vascia) Mettitece ‘a farciatura dinto. Cu ‘o riesto d’’a pasta frolla tirate tanta strisciulelle fine larghe ‘nu centimetro, mettitele ‘ncruciate ‘ncopp’a pastiera e po ‘nfurnate a 170° pe n’ora o n’ora e mmeza (a siconda ‘e l’altezza)  senza ‘a fa avvampà.
Quanno ‘a sfurnate e s’è ffatta fredda mettitece ‘o zzuccaro a vvelo ‘ncoppa.

Salute!                                                                                              

di Gianna Caiazzo
© riproduzione riservata.

pastiera napoletana