Trillante, trocola e uosso ‘e presutto.

Nell’ambito delle manifestazioni organizzate in occasione della tradizionale festa del Carmine, il prossimo 16 luglio alle ore18, nella chiesa di Santa Croce e Purgatorio al Mercato, in piazza Mercato, si terrà l’incontro “Trillante, trocola e uosso ‘e presutto”: una spremuta di filosofia spicciola tra musica e dintorni.  Si parlerà delle origini della posteggia, della sua storia e della “Parlèsia”, il linguaggio segreto, derivante dal napoletano, che veniva usato dai musicanti per non farsi capire dai non addetti ai lavori. Oggi, la parlèsia sopravvive per sottolineare l’appartenenza alla categoria dei musicisti. Si affronterà, inoltre, la lingua e la cultura napoletana viste nel quotidiano della gente comune.

festa del carmine 2014 napoliclicca sull’immagine per ingrandire

Share via email
condividi su Twitter

Carnevale.

È Ccarnevale e mm’arricordo ancora
‘e ‘nfarenate fatte fora â scola,
‘e ssecutate arèto ê scugnezzielle
cu ll’ove ‘mmano pronte a tt”e vvuttà.

E chi se scorda comme m’arraggiavo
quanno currevo arèto a ‘nu criaturo
ca m’ êva ‘nguacchiariata sana sana
e ‘a mamma me diceva “che vvuò fà?”

Tiempo è ppassato e ssento ‘a nustalgia
‘e chilli juorne chine d’alleria,
quanno ‘e cchiorme ‘e guagliune mmiez’â via
ancora se spassavano accussì.

Mo invece se pazzéa ‘e n’ata manera
Mo se fa ovèro, qualu Carnevale!
si dint’ê ssacche nce stesse ove e ffarina
tirasse ‘nu suspiro: “menu male!”

Gianna Caiazzo
4 marzo 2mila14

Share via email
condividi su Twitter

‘O suonno ‘e ll’anno nuovo.

Chist’anno sarrà n’anno ‘e cagnamiente,
m’aggia jettà ‘o ppassato areto ê rine,
n’annata ‘e bbona sciorta assicurata
ca m’aggia cunzulà d’essere nato.

Me faccio ‘na jucata ô bbanco lotto,
unu viglietto, e quanno jesce a strazzione,
che ‘o ddico a ffà? ‘E nummere so’ cchille!
Me so’ apparato pe ttre ggenerazzione.

Âmma parlà ‘e ll’ ammore… e nc’è bbisogno?
Pozzo scialà cu ‘e ffemmene cchiù bbelle;
bbasta ca schiocco ‘e ddete e cchesta e cchella
fanno a ccapille pe mme puté vasà.

E pp”a salute… nun c’ è preoccupazione…
cu cchesta pacchia io campo cchiù ‘e cient’anne,
‘a cuntentezza me scanza da ‘e malanne
e ‘a naso ‘e cane mme po’ ppure aspettà.

Oj mà, si tutto chesto fosse overo!
Si finarmente nunn êssa cchiù ssunnà,
e ‘o suonno e tutte ll’anne addeventasse,
proprio chist’anno, ‘na bbella rialtà .

Gianna Caiazzo

9 gennaio 2mila14

Share via email
condividi su Twitter

“La scelta di Giulia”. E’ ambientato a Napoli il nuovo romanzo di Brunella Schisa.

È un’abbagliante mattina di luglio quando Emma, neolaureata in Lettere, riceve una telefonata del tutto inattesa: dall’altra parte del filo l’anziana prozia Carolina, che lei a malapena conosce, la invita a casa sua perché, dice, deve consegnarle un regalo. La curiosità di Emma si tramuta presto in stupore quando tra le mura solenni del palazzo di via dei Mille, a Napoli, teatro di tutte le vicende della sua grande famiglia la zia le affida un astuccio che contiene un anello: una meravigliosa corniola ovale con una figura incisa sostenuta da una catena Liberty d’oro rosso. Un oggetto prezioso anche perché appartenuto in origine a Giulia, la mitica bisnonna capostipite della famiglia. A quell’anello è legato un segreto bruciante, che solo la curiosità di una giovane ragazza alla ricerca della propria strada e dell’amore può trovare la forza per scoprire, mentre i giorni di un’estate rovente le portano anche un sentimento conturbante e intensissimo, l’attrazione per un uomo “proibito”. Le vite degli uomini bellissimi e infedeli delle donne volitive della grande famiglia Cortesi rievocate sul filo della memoria e dell’emozione dalla più bella e coraggiosa delle loro discendenti.

la scelta di giulia, brunella schisa

Presentazione:
venerdì, 15 novembre ore 18
presso “la Feltrinelli”
via S. Caterina a Chiaia, 23, Napoli.

Mondadori editore
pag. 312
16,50 euro
 
Share via email
condividi su Twitter

Pastiera napoletana.

Chello ca ce vo’.

P’’a pasta frolla:

500 gr ‘e farina

200 gr ‘e zuccaro

200 gr ‘e ‘nzogna o burro.

4 vruocele d’uovo

‘na scorza ‘e miezu limone rattata.

 

P’’a farcitura:

500 gr ‘e grano sfuso

500 gr ‘e ricotta

‘nu paro ‘e cucchiare ‘e farina

½ litro ‘e latte

10 ove

400 gr ‘e zuccaro

‘na noce ‘e ‘nzogna

80 gr tra cedro, scorze d’arancia e cucuzzata

Acqua ‘e millefiore

Cannella

‘na bustina ‘e vanillina

‘a scorza ‘e ‘nu limone

Zuccaro a vvelo.

 

Comme se fa.

Pasta frolla:
Facite ‘a funtana cu ‘a farina e ‘mmiezo mettitece ‘e quatto vruocele, ‘o zzuccaro, ‘o bburro e ‘a scorza ‘e limone rattata. ‘Mpastate buono ma cu ‘a mana liggera e quanno s’è ffatta’na bella palla liscia, mettitela dint’a ‘nu canavaccio dint’ô frigorifero.

 

Mettite a vvollere lento lento pe n’oretta ‘o ggrano dint’a miezu litro ‘e latte cu ‘na noce ‘e ‘nzogna, ‘a scorza ‘e ‘nu limone, ‘nu pizzeco ‘e sale e ‘nu cucchiaro ‘e zuccaro. Girate sempe, add’addeventà comm’a ‘na crema.
Pe ttramente, facite ‘nu zambaglione cu ‘e diece vruocele e 400 gr ‘e zuccaro e astipateve ‘e vvelinie. A pparte passate ‘a ricotta ‘intô staccio.
Quanno ‘o ggrano s’’è ccuotto e s’è ffatto friddo, levatece ‘a scorza ‘e limone e ammiscatelo cu ‘a ricotta stacciata.
Muntate a nneve ‘e ddiece velinie ch’erano rimaste.
Dint’a ‘na zuppiera bella grossa mettitece ‘o ggrano cuotto ammiscato cu ‘a ricotta, ‘o zambaglione, ‘e velinie muntate a nneve e ammiscate buono e chianu chiano e si è troppo liquida mettitece uno o duje cucchiare ‘e farina. A ll’urdemo mettitece ‘o ccedro a pezzuttulle, ‘a vanillina, ‘a cannella e ll’acqua millefiore a piacere e girate.

Stennite ¾ ‘e pasta frolla, facite’na pettola bella fina e fudarate ‘nu ruoto (regolateve vuje cu ‘a grandezza a siconda ‘e si ve piace àveta o vascia) Mettitece ‘a farciatura dinto. Cu ‘o riesto d’’a pasta frolla tirate tanta strisciulelle fine larghe ‘nu centimetro, mettitele ‘ncruciate ‘ncopp’a pastiera e po ‘nfurnate a 170° pe n’ora o n’ora e mmeza (a siconda ‘e l’altezza)  senza ‘a fa avvampà.
Quanno ‘a sfurnate e s’è ffatta fredda mettitece ‘o zzuccaro a vvelo ‘ncoppa.

Salute!                                                                                              

di Gianna Caiazzo
© riproduzione riservata.

pastiera napoletana

 

Share via email
condividi su Twitter